Arcobaleni: come si formano?

Arcobaleni: come si formano?

Gli arcobaleni hanno alla base due fenomeni, la rifrazione e la riflessione.

  • rifrazione = deviazione che un’onda subisce quando passa da un mezzo all’altro;
  • riflessione = fenomeno per cui un’onda entrando in contatto con un altro mezzo, cambia la sua direzione.
arcobaleni
Effetto di Rifrazione e Riflessione

La luce attraversando le gocce d’acqua sospese nell’aria, si divide – per rifrazione – in raggi dei vari colori dello spettro.

I raggi appena ottenuti vengono totalmente riflessi dalla superficie opposta ed escono dalla goccia, dallo stesso lato da cui è entrato il raggio originario.

Per vedere questo fenomeno, è necessario che l’angolo tra la direzione del raggio del sole e il nostro sguardo, deve essere di circa 42°.

Nelle condizioni prima citate, osserveremo l’arcobaleno di tipo primario, ma esiste anche un secondo tipo, detto secondario che è più scuro ed è visibile all’esterno dell’arco primario.

Gli arcobaleni secondari sono dovuti da una doppia riflessione della luce del sole, all’interno delle gocce d’acqua. A differenza della prima tipologia che appare ad un angolo di circa 42°, questo secondo tipo compare a un angolo di 50°- 53°.


Leggi…

Perché le donne hanno il seno e gli animali no?

I benefici dello YOGURT, benessere e salute

Perché in acqua le dita raggrinziscono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *