Buchi bianchi, il contrario dei buchi neri?

Buchi bianchi, il contrario dei buchi neri?

Tutti avranno sentito parlare almeno una volta di buchi neri, ma quanti di voi hanno invece hanno sentito parlare dei buchi bianchi?

L’esistenza dei buchi bianchi si basa sulla concezione che le leggi della fisica siano simmetriche rispetto al tempo, quindi si ipotizza l’esistenza di un oggetto antitetico ai buchi neri, che prende appunto il nome di buco bianco.

Qual è la differenza? Il buco nero cattura tutto ciò che passa nel suo campo gravitazionale, il buco bianco, al contrario, invece di assorbire materia, la emette e in questi oggetti misteriosi niente può entrare, ma solo uscire… curioso no?

I primi ad ipotizzare l’esistenza e parlare di buchi bianchi, furono Albert Einstein e Nathan Rosen.

A supporto di questa teoria, ci fu la scoperta dei quasar, ipotizzati poco tempo dopo, come un esempio di attività dei buchi bianchi, idea che però non venne mai accettata dagli astronomi e respinta con il meccanismo del disco di accrescimento.

Curiosità…

Schwarzschild fu convinto della sua tesi a proposito della contrazione di una massa entro il proprio raggio corrispondente. Secondo il matematico, astronomo e astrofisico tedesco, da tale processo non si otterrebbe un pozzo senza fine, ma si verrebbe a creare un collegamento con un’altra regione dello spazio-tempo piatto. Questa connessione, però esisterebbe solamente per pochi istanti, tanto che nemmeno la luce riuscirebbe a passarvi.

Leggi…

Quinto stato della materia, il condensato di Bose Einstein

La vita è nata nei laghi e non negli oceani?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *