Cosa succede se si fa un rutto nello spazio?

Cosa succede se si fa un rutto nello spazio? Facciamo delle premesse, ruttare è un gesto normalissimo e fa parte delle azioni che il nostro organismo pratica per mantenere un certo equilibrio.

Di solito, quando ruttiamo, l’aria va in alto e il contenuto dello stomaco resta in basso. Nello spazio però, data l’assenza di gravità, si è privi di un significativo peso; essenziale per l’ordine delle cose. A tal punto è facile immaginare che, all’aprirsi della ”bocca dello stomaco”, ad uscire non sarà solo l’aria.

A spiegarlo è l’astronauta canadese Chris Hadfield sul suo profilo Twitter «se rutti è come se ti vomitassi in bocca. Quindi, indovinate dove finisce tutta l’aria deglutita?».

L’aria in un modo o nell’altro deve uscire dal nostro corpo e per farlo esistono solo due vie… sopra o sotto.

Per fortuna, sulla stazione spaziale sono presenti dei filtri che non solo impediscono agli astronauti di essere soffocati dalla propria CO2 prodotta, ma permettono anche l’assorbimento dell’aria indesiderata.

Esiste però un modo di ruttare in tutta tranquillità, ovvero creando una gravità temporanea! Può sembrare assurdo, ma è possibile e a dimostrarlo è stato l’astronauta Jim Newman, che spingendo le gambe su di una parete, è riuscito a creare una falsa gravità temporanea.


Potrebbe interessarti:

2 thoughts on “Cosa succede se si fa un rutto nello spazio?

  1. Rispondi
    Mario
    31 Dicembre 2019 at 15:09

    Interessante..

    1. Rispondi
      Andrea
      31 Dicembre 2019 at 15:23

      Ciao, grazie per il commento. Si cerca di fare il possibile per fare articoli interessanti 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguimi su YouTube/ilperchedeldubbio

Mi piace rendere la Scienza un Racconto.


Questo canale YouTube è il punto d'incontro della mia
passione per la Grafica e la Musica.

Dai uno sguardo al canale YouTube e vedrai che non te ne pentirai!