Dottor Google e le prognosi della morte imminente

Dottor Google e le prognosi della morte imminente

Quando ci si sente male, la prima cosa che solitamente siamo intenti a fare è cercare i sintomi su internet. A questo punto interviene Dottor Google che ci prognostica le malattie più rare…

Molti lo sapranno già, se si ha bisogno di un parere medico, è meglio non cercarlo su internet. Questo articolo è rivolto in particolare a chi si ostina ad utilizzare il mezzo di ricerca più famoso al mondo per trovare le cure o le malattie di cui si è afflitti.

Pubblicità

Dottor Google può essere addirittura dannoso

Ebbene sì, Dottor Google non fa visite di persona, il che significa che la sua diagnosi non sarà mai certa. Proprio per questo motivo è pericoloso affidarsi a lui per curare i propri malesseri.

Questo articolo viene scritto in seguito alla pubblicazione di uno studio fatto a proposito dall’Università di Harvard. Secondo quanto rinvenuto dalla ricerca, solamente in 36% delle diagnosi è risultata corretta.

Dottor Google deve essere visto come solo una condivisione di esperienze. Per nessuna ragione a mondo deve essere seguiti i consigli da internet citati, a meno che non si è assolutamente certi della fonte.

L’argomento in questione è stato trattato molte volte e a tal proposito ti consiglio un video dei The Jackal che parla proprio di questo, ironizzando quelli che sono i risultati delle ricerche. Di seguito trovi il video…

Dottor Internet = Dottor Google

Sapevi invece che la febbre non è una malattia ma un sintomo? Di seguito puoi trovare l’articolo: La febbre è un sintomo, non una malattia

2 thoughts on “Dottor Google e le prognosi della morte imminente

  1. Rispondi
    Luigi Raiola
    9 Giugno 2020 at 22:57

    C’è anche da dire che bisogna affidarsi a Google a volte, non sempre sbaglia. Il video dei The Jackal è stupendo ahahah

    1. Rispondi
      Andrea
      10 Giugno 2020 at 08:27

      Sì, ma infatti non bisogna cancellare la risorsa, ma moderarne l’uso. I The Jackal sono molto bravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *