Icebot, robot di ghiaccio che si auto-ripara o auto-replica

Icebot è un robot di ghiaccio con potenziali capacità di auto-riparazione o auto-replicazione.


Sistemi robotici modulari con capacità di auto-riparazione o auto-replicazione sono stati presentati come una solida soluzione a basso costo per l’esplorazione extraterrestre o artica. La particolarità di questo progetto è proprio nell’unico elemento strutturale, il ghiaccio.

Quando i robot operano in ambienti remoti o extraterrestri, può essere costoso spedire materiali o robot al sito. Nel progetto presentato da S. Revzen, M. Bhoite, A. Macasieb, e M. Yim, “Structure synthesis on-the-fly in a modular robot” nel 2011 (IEEE/RSJ International Conference on Intelligent Robots and Systems. IEEE, 2011, pp. 4797) dimostrano una possibile soluzione, implementando un unico robot per costruire gli altri utilizzando una schiuma ad espansione come struttura per i nuovi robot. In modo simile, L. Brodbeck e F. Iida nel progetto “Enhanced robotic body extension with modular units” nel 2012 (IEEE/RSJ International Conference) esplorano una soluzione simile dove i robot utilizzano colla a caldo per aggiungere elementi modulari al robot in funzione dei compiti da eseguire.

L’utilizzo di materiale trovato nel sito di spedizione è uno mezzi per ridurre i costi di trasporto. Teoricamente, dato il giusto insieme di risorse, questo robot sarebbe in grado di ripararsi all’infinito.

Icebot pesa circa 6,3 kg e mediante un dispositivo di controllo (quando è stato presentato è stato utilizzato un telefono Android) vengono inviati i comandi a un microcontrollore (Arduino Micro) tramite un modulo Bluetooth HC-06.

Ribadendo che il progetto è ancora alle fasi iniziali, è interessante pensare come un progetto fuori dagli schemi possa in futuro essere la base di spedizioni e scoperte altrimenti impossibili.


Articoli di riferimento:

Robots Made From Ice: An Analysis of Manufacturing Techniques; 2020 IEEE/RSJ International Conference on Intelligent Robots and Systems (IROS) October 25-29, 2020, Las Vegas, NV, USA (Virtual)

Enhanced robotic body extension with modular units; INSPEC Accession Number: 13194854 DOI: 10.1109/IROS.2012.6385516 Publisher: IEEE

Potrebbe interessarti:

Presa adesiva, il dispositivo che simula la presa del geco

SunBOT è il primo materiale artificiale fototropico

Pelle artificiale che reagisce al dolore. Protesi e Robot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *