Numero di Graham, il numero impossibile da pensare

Numero di Graham, il numero impossibile da pensare

Il numero di Graham, in onore di Ronald Graham, è considerato il primo numero di grandezza inconcepibile ad essere usato in una seria dimostrazione matematica. Pensare di poter rappresentarlo è considerato scientificamente impossibile. Questo perché il numero in questione è perfino più grande della quantità di particelle dal volume di Planck (volume più piccolo attualmente noto) presenti in tutto l’universo. Ciò significa che per poterlo rappresentare servirebbe uno spazio perfino maggiore dell’intero universo conosciuto.

Dunque secondo la fisica, se qualcuno o qualcosa dovesse riuscire in qualche modo ad immaginare questo numero, l’unica soluzione possibile è che la sua mente si trasformi in un buco nero. Questo perché la quantità di informazione presente nel cervello sarebbe talmente tanto densa da far innescare lo stesso processo che fa cadere le stelle in una singolarità.

Secondo John Baez, un fisico matematico all’Università della California, basterebbe anche un numero molto più piccolo del Numero di Graham per ottenere il medesimo effetto, come ad esempio un googol.

A conti fatti, quanto è grande il Numero di Graham?

Non è semplice dire quanto sia effettivamente grande questo numero. Ci sono tantissimi grandi numeri, come ad esempio il Googol (un 1 seguito da 100 zeri, quindi un 10100), da cui deriva il Googolplex (un 1 seguito da un Googol di zeri, quindi 10Googol). Questi numeri, per quanto grandi siano, sono ugualmente scrivibili, ma il Numero di Graham è talmente grande che ci sono più zeri che atomi nel nostro universo conosciuto. Ciò significa che nemmeno il più grande dei computer potrà mai lavorarci, proprio perché quest’ultimo dovrebbe avere uno spazio perfino maggiore dello stesso universo.

Ma perché proprio questo numero? Esisteranno sempre infiniti numeri più grandi

La particolarità del Numero di Graham non sta semplicemente nel fatto che sia un grande numero, dato che chiunque potrebbe inventarsi da un momento all’altro uno perfino maggiore, ma è noto proprio per essere stato utilizzato in una dimostrazione matematica (dimostrazione ovviamente molto complessa e difficile da spiegare).

Per approfondire leggi questo articolo: http://www.bitman.name/math/article/634/


Articolo gentilmente scritto da:

Lo Zenit, di seguito il link della sua pagina Instagram: https://www.instagram.com/lo.zenit/

Articoli di riferimento:

Fonte relativa al Buco Nero e al Numero di Graham: ibmathsresources.com

Potrebbe interessarti:

Buchi bianchi

Buchi neri: cosa sono e come si formano

Il paradosso dei 2 bambini

Il paradosso del compleanno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *