Paralisi del sonno: quando ti svegli in un incubo paralizzato

La paralisi ipnagogica, conosciuta come paralisi del sonno, è un disturbo del sonno che può colpire sia uomini sia donne di età compresa solitamente tra i 25 e i 44 anni ma può manifestarsi anche ad età inferiori o superiori di quest’ultime.
Questo fenomeno avviene poco prima di addormentarsi (raramente) o nel momento del risveglio. Il soggetto coinvolto è cosciente di quello che gli sta accadendo ma è incapace di muoversi e di parlare.

L’ episodio non dura molto, varia da qualche secondo ad un massimo di 2 minuti, anche se chi ne è colpito ha l’ impressione che la durata sia maggiore.
Quando si ha una paralisi del sonno si possono presentare due tipi di allucinazioni:

  1. Pressione sul petto;
  2. Esperienze di levitazione e di uscita dal proprio corpo.

La causa principale di questo disturbo è la mancanza di riposo, ma vi sono anche lo stress, ritmi di sonno irregolari e ansia.
La paralisi del sonno si può curare regolarizzando i cicli del sonno, dormendo minimo 8 ore durante la notte, ed evitando di assumere sostanze che disturbano il sonno, come caffeina, alcol e fumo.


Potrebbe interessarti:

Sonno, dormendo “perdiamo” il 36% della nostra vita

Usare l’intelligenza artificiale per tradurre il pianto di un bambino

Perché si piange se si ride troppo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguimi su YouTube/ilperchedeldubbio

Mi piace rendere la Scienza un Racconto.


Questo canale YouTube è il punto d'incontro della mia
passione per la Grafica e la Musica.

Dai uno sguardo al canale YouTube e vedrai che non te ne pentirai!