Come funzionano i CD?

Come funzionano i CD?

Il CD, anche se oggigiorno è quasi completamente considerabile antiquato, è una tecnologia molto interessante e innovativa, per cui vale la pena capirne il funzionamento.

Come funzionano i CD?

Questi dischetti sono semplici pezzi di plastica policarbonata, di larghezza circa di 12 cm ed alto circa 1,2 millimetri. Quando si va a fare una masterizzazione, la plastica viene deformata con piccolissimi buchi, chiamati bumps, lungo una singola traccia a spirale, che inizia nel centro e finisce all’esterno del disco.

Quando si vanno a scrivere questi bumps, non si fa altro che andare a scrivere singoli bits di ogni byte, o (quando individua la superficie piatta e quindi la parte non deformata) e 1 (quando individua i bump) [se vuoi leggere di più su questi codici, premi qua –> Codice Binario].

Quando il disco viene inciso, viene ricoperto di uno strato di alluminio per proteggerlo.

CD
Credito: Science ABC

Come si possono leggere questi bumps?

L’unico modo è utilizzare un macchinario apposito che riveli queste microscopiche deformazioni, il lettore CD.

Un CD drive è formato da tre componenti principali:

  • Un motore, con il compito di far girare il disco ad una velocità altissima e costante
  • Un laser ed una lente per poter leggere i bumps durante la rotazione del disco
  • Un meccanismo che permetta al laser di muoversi tracciando la spirale sul disco

Il raggio laser quando passa sullo strato di policarbonato, riflette sullo strato di alluminio e va a colpire un sensore, un componente ottico, che è molto sensibile ai cambiamenti di luce e quindi in virtù di ciò, riesce a riconoscere la presenza di un bump.

Successivamente, sono state inventate delle nuove tipologie di CD:

  • CD-R, registrabili, ovvero che concedono la possibilità di scriverci i file che più si desiderano, anche se però non concedono la possibilità di cancellarli.
  • CD-RW, riscrivibili, al contrario dei registrabili, oltre al potere essere scritti possono essere anche riscritti e quindi sostituire i file sopra presenti.

I CD-R funzionano leggermente diversamente dai dischi normali, in quanto non vengono più deformati, ma usano una superficie metallica, che quando viene riscaldata da una luce di una particolare intensità e frequenza, diventa opaca e quindi non riflette più, in tal caso verrebbe letto come “1”.

I CD-RW, utilizzano un nuovo strato composto da vari materiali, che una volta riscaldato ad alte temperature, circa 600°, passa allo stato liquido e successivamente viene riportato a temperatura di circa 200°  diventando nuovamente solidi.


Leggi altro:

Presa adesiva, il dispositivo che simula la presa del geco

Maniglie di ottone, perché sono le più utilizzate?

Prese elettriche, perché non sono tutte uguali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *