Usare l’intelligenza artificiale per tradurre il pianto di un bambino

Usare l’intelligenza artificiale per tradurre il pianto di un bambino

Capita spesso che i genitori associno il pianto di un bambino alla sua necessità di mangiare o dormire, ma non sempre ne sono sicuri. Per tale ragione è stata ideata una complessa applicazione basata su degli algoritmi di intelligenza artificiale, capaci di distinguere i vari segnali emessi dal neonato.

Questo progetto è nato dalla mente di Ariana Anderson della University of California Los Angeles (USA). La donna ha quattro figli e supportata dal suo team di ricerca, ha sviluppato ChatterBaby (chatterbaby.org), la quale applicazione è capace di segnalare in particolare quando il pianto è indice di malattia.

L’applicazione è in evoluzione e attualmente si basa su circa 2000 registrazioni, ma permette agli utenti di supportare lo sviluppo del progetto, mandando agli sviluppatori registrazioni della voce del proprio piccolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *